Il castello dei Griglioni di Ascona

Su Insubrica Historica abbiamo sempre preso a cuore sin dall’inizio la storia dei castelli che furono eretti nel Locarnese e che oggi sono scomparsi. Dal nostro primissimo contributo sul castello di Magadino, al castello di Gordola, a quello di Castello San Michele ad Ascona, o come oltre confine a Cannobio. Abbiamo pensato questa volta al secondo castello ad Ascona (dopo quello di San Michele), chiamato Castello dei Griglioni.

Particolare del Castello Griglioni in un affresco conservato presso la Chiesa SS. Pietro e Paolo ad Ascona. Fonte: Liessem/Lehmann, Castello Grigilioni, Mittelalter : Zeitschrift des Schweizerischen Burgenvereins Mittelalter : Zeitschrift des Schweizerischen Burgenvereins Vol. 16 (2011)

Il castello dei Griglioni è stato probabilmente edificato per la famiglia dei Griglioni o Grilli. Antico casato già documentato nel 1266 con dominus Guilielmus qui dictur Grillius de Scona figlio del fu domini Locarni Grilli de Scona e nel 1273 con Alcherius dietus Lana figlio del fu dni. Johannis Grilli de Scona.

Stemma della famiglia Griglioni. Colorato di rosso, alla banda d’argento, carica di un grillo di nero, posto nel senso della pezza e visto a volo d’uccello. Fonte: Carlo Maspoli, Stemmario delle famiglie di Ascona, Schweizer Archiv für Heraldik, 122 – 2008.

La particolarità è quello di essere, unitamente al vicino castello dei Carcani – oggi scomparso, un complesso fortificato di tipo privato, edificato intorno alla metà del XIII secolo dalla famiglia Griglioni o Grilli, probabilmente di origine milanese, e riparata ad Ascona per sfuggire alle lotte tra guelfi e ghibellini.

Castello Griglioni. Fonte: Insubrica Historica 2020

La planimetria dell’edificio, la cui struttura è tuttora assai ben leggibile grazie anche alle murature che si sono conservate in alzato, chiudeva il borgo in direzione Sud-Est, verso la zona del delta del fiume Maggia. Il castello e la bassa corte situata ad ovest, entrambi a pianta regolare, sono edificati su un terreno pianeggiante, in origine circondati da un fossato difensivo.

Particolare Castello Griglioni Ascona. Fonte: Friedrich Bähler e
Max Alioth (1949).

Il nucleo del castello a base rettangolare, il cui lato corto è rivolto verso il lago, viene attraversato da un viottolo delimitato ai lati da due muri che dividono il fortilizio in senso longitudinale in due settori uguali: l’area del settore occidentale sembrerebbe non essere stata occupata da edifici, poiché lì si estendeva il giardino del castello.

Arco dei Griglioni. Porta del Castello da Sud. L’arco a tutto sesto è decorato con due pietre a cuneo in
separazione chiusa. Ben riconoscibili sono anche i due
canali in tondino murato per un eventuale ponte levatoio. Nel sottofondo la porta settentrionale.

Nel settore orientale invece si ergevano gli edifici principali, ovverosia la residenza della famiglia Griglioni. Il castello situato presso la riva del Lago e dotato di un proprio piccolo porto aveva probabilmente anche la funzione di stazione di sosta fortificata, dove avveniva il cambio dei mezzi di trasporto per le merci provenienti dal lago.

Le quattro torri d’angolo del castello ricoprono ancora oggi un certo interesse, poiché non sporgevano in pianta come solitamente si riscontra in altri castelli, bensì erano collocate a filo con la cortina. Il castello, con il suo impianto ben concepito, la notevole tecnica di costruzione adottata, il concatenamento d’angolo in bugnato delle torri come anche le imponenti porte d’accesso pure caratterizzate da bugne, occupa tutt’ora una posizione di spicco tra i castelli ticinesi.

Camera matrimoniale posta nella torre del castello, con vista sul Lago Maggiore.
Fonte: Hotel Castello Ascona

Quello che rimane del Castello è stato oggi trasformato in albergo-ristorante di 4 stelle.

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

UA-116746222-1